Trucchi

Scrivere una newsletter efficace: 10 step da seguire subito

Qual è uno degli strumenti di marketing più efficaci per la tua brand awareness, per coinvolgere i clienti e per chiudere le vendite? La newsletter. Inviata regolarmente, una newsletter realizzata con contenuti di qualità non solo aiuta la tua azienda a rimanere al primo posto, ma mette anche in mostra la tua esperienza nel settore.

Le newsletter sono uno strumento utile che può aiutare a commercializzare meglio i tuoi prodotti o servizi. Sia che la invii agli abbonati settimanalmente, bimestralmente, trimestralmente o con altre cadenze temporali.

Una newsletter può trasformarsi da semplice mezzo di informazione a potente strumento di marketing per coinvolgere e informare i tuoi utenti e clienti.

Tra l’altro una newsletter aziendale può aiutare la tua organizzazione a costruire un forte rapporto con i tuoi abbonati.

Quali contenuti includere nella newsletter?

Per creare una newsletter che coinvolga i tuoi utenti, assicurati di tenere bene a mente questi aspetti durante la sua realizzazione:

  • Lavora su un argomento / tema specifico per ogni newsletter in modo da non mischiare troppi concetti
  • Elabora linee tematiche creative e informative
  • Assicurati che il contenuto sia educativo, informativo e conciso
  • Incorpora una sezione che guidi gli utenti al tuo sito dove possono approfondire la tematica
  • Includi i dettagli della tua attività e le informazioni di contatto.

Soprattutto, la tua newsletter dovrebbe essere personalizzata e corrispondere non solo alla mission della tua azienda, ma anche ai suoi contenuti.

Perché le newsletter sono così importanti? Alcune statistiche

Le newsletter sono la tipologia di e-mail più utilizzata in assoluto. Ecco alcune statistiche che dimostrano quanto stia crescendo la loro popolarità:

  • Negli ultimi 3 anni, oltre l’80% degli esperti di marketing utilizza le newsletter per il content marketing
  • Le newsletter sono in cima alla lista degli strumenti di digital marketing (66%), seguite da contenuti promozionali (54%) ed email di benvenuto (42%)
  • Durante un sondaggio è stato chiesto a un ampio gruppo di consumatori attraverso quale mezzo preferissero ricevere aggiornamenti. Il 90% degli intervistati ha risposto tramite newsletter, mentre solo 10% che ha scelto Facebook
  • Secondo una ricerca di Forrester, il 19% dei consumatori ha riferito di aver letto ogni newsletter ricevuta per vedere se ci fosse “qualcosa in offerta”

Realizzare una newsletter vincente: 10 consigli pratici

Che tu stia realizzando una newsletter completamente da zero o rivitalizzandone una che invii abitualmente, ecco 10 best practice da applicare da subito:

1) Sii chiaro con i tuoi utenti

Quando un lead, un potenziale cliente, si iscrive per la prima volta alla tua newsletter, assicurati che sia ben consapevole di cosa debba aspettarsi. Oltre a far sapere agli iscritti il ​​tipo di contenuti e le offerte che riceveranno, aggiornali sulla cadenza temporale di invio delle tue comunicazioni.

2) Bilancia il contenuto

Le migliori newsletter contengono circa il 90% di contenuti educativi rilevanti per il tuo pubblico. Ad esempio, includi articoli su argomenti generali a cui il tuo cliente target sarebbe probabilmente interessato, nonché informazioni utili su come ottenere il massimo dai tuoi prodotti.

Questa strategia ti lascia con circa il 10% di spazio da dedicare esclusivamente alla promozione della tua attività.

3) Crea un oggetto allettante che risalta nella posta in arrivo

Sebbene i tuoi abbonati si siano iscritti per ricevere la tua newsletter via e-mail, l’utilizzo del campo “Oggetto” per annunciare semplicemente il titolo e la data della pubblicazione potrebbe non essere efficace per aumentare i tassi di apertura.

Invece, dai loro un’anteprima dei contenuti e di cosa otterranno leggendo l’email. Ottimizzare il campo “Oggetto” di una newsletter è fondamentale per incrementare il tasso di click.

In un altro articolo ho approfondito questa tematica con qualche consiglio più specifico per aumentare le percentuali di apertura della tua newsletter.

4) Punta sul preheader

Quante volte hai ricevuto una newsletter via e-mail con frammenti di testo che includono espressioni come “Se non riesci a leggere questa e-mail, fai clic qui per visualizzarla nel tuo browser”?

Personalizzando questa importante sezione con informazioni che attirano l’attenzione e informano, incoraggerai un numero maggiore di aperture.

5) Mantieni il copy e il design breve e semplice

Semplicemente, evita di inviare articoli lunghi e prolissi nella tua newsletter. Produci invece introduzioni concise, accattivanti e allettanti di una pagina che invii i tuoi iscritti al sito web o al blog.

Inoltre, una best practice spesso sottovalutata è garantire che ci sia abbastanza spazio bianco all’interno del layout generale della newsletter per contribuire a farla apparire ordinata e di facile lettura.

Considera anche lo sviluppo di una grafica aziendale personalizzata da utilizzare esclusivamente nelle tue newsletter Dai grafici alle GIF e alle foto: hai opzioni infinite quando si tratta di creare contenuti unici e originali.

Anche l’aggiunta di video, quando supportato dal tuo software di invio di newsletter, può anche avere un impatto positivo sulle metriche di coinvolgimento (engagement).

6) Ragiona in ottica mobile

Utilizza un design reattivo per i tuoi modelli di email, che implica la codifica e l’ottimizzazione del contenuto per la visualizzazione su più schermi e dispositivi.

Cosa succede quando i tuoi iscritti aprono una newsletter non ottimizzata per i dispositivi mobili? Uno studio ha dimostrato che ben il 42% degli abbonati elimina le email che non vengono visualizzate correttamente sui propri smartphone.

Altre best practice per la progettazione ottimizzata per i dispositivi mobili includono:

  • design a colonna singola
  • caratteri grandi per tutto il testo nel messaggio
  • pulsanti di invito all’azione (call to action) sufficientemente grandi da poter essere toccati con il dito

7) Includi offerte e buoni sconto esclusivi per i tuoi iscritti

Questa è la chiave per non perdere i tuoi iscritti ed evitare che annullino l’iscrizione alla newsletter. Abbiamo già detto che il coinvolgimento gioca un ruolo importante nell’invio della posta elettronica.

Quindi mantenere i tuoi abbonati interessati e coinvolti con contenuti di alta qualità probabilmente contribuirà a migliorare i tuoi tassi di consegna, apertura e click.

8) Fornisci contenuti personalizzati

La personalizzazione paga. Vai oltre l’utilizzo del nome di un abbonato nella riga dell’oggetto e nel contenuto della newsletter, inviando newsletter personalizzate per diversi segmenti della tua mailing list.

Ad esempio, la segmentazione può essere basata su comportamento, dati demografici e cronologia degli acquisti.

Considera anche la possibilità di utilizzare le tue newsletter insieme a un programma di premi fedeltà e fornire un collegamento che porta gli abbonati al loro account personale per gestirli.

9) Programma l’invio della newsletter con una cadenza temporale precisa

Ad esempio, se hai programmato un invio settimanale della newsletter, continua a spedirla ai tuoi abbonati lo stesso giorno e alla stessa ora ogni settimana.

In questo modo, il tuo pubblico saprà già quando aspettarsi di ricevere le comunicazioni, insieme ad articoli informativi e promozioni mensili o dedicate.

10) Monitora, testa e ottimizza le tue newsletter

  • Cosa funziona meglio per il tuo pubblico?
  • Quando si tratta di contenuti rilevanti funziona meglio uno stile breve e divertente oppure completo e informativo?
  • Quale frequenza e cadenza (la tempistica e lo schema delle e-mail inviate) si traducono in prestazioni ottimali, senza aumentare il tasso di cancellazione o reclami di spam?

Monitorare le metriche della tua newsletter e testare e ottimizzare i vari elementi che la compongono, come l’oggetto, l’intestazione, le call to action, il design, il layout e i tempi di invii, è il modo migliore per massimizzare il ritorno sull’investimento (ROI) delle tue newsletter.

L'hai trovato interessante? 👇
Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...

Giorgio Perillo - Giornalista & SEO

Giornalista pubblicista. Laurea in Giurisprudenza e Master in Comunicazione e Lobbying nelle Relazioni Internazionali. WordPress Specialist, SEO Expert e Digital Marketing Consultant. Fondatore di Mente Informatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
×