Alcune batterie possono essere ricaricate un numero limitato di volte. Una volta che raggiungono il loro limite, iniziano a deteriorarsi. Anche se esistono alcune applicazioni che ti aiutano ad ottimizzare la vita della batteria, dovresti seguire alcune buone “norme di carica” per ottenere il massimo dalla batteria. Le batterie possono essere di 3 tipi:

  • nichel-cadmio
  • ai polimeri di litio
  • agli ioni di litio

Leggi anche: 8 soluzioni per un utilizzo alternativo del tuo vecchio cellulare Android

Ognuna ha le sue caratteristiche uniche, quindi hanno bisogno di essere gestite in modo diverso. Ora vediamo come gestire al meglio la carica del tuo smartphone.

ricarica cellulare

 

errore5 errori che fai quando metti sotto carica il cellulare:

 

1) Lasciare il cellulare (completamente carico) ancora sotto carica

Riguardo la corretta modalità di ricarica ne ho già ampiamente parlato in un altro articolo (che ti consiglio di leggere!). In ogni caso se il telefono è carico al 100%, assicurati di staccare la spina. Se prolunghi la carica, rischi di danneggiare la batteria e ridurre le sue prestazioni.

Leggi anche: I migliori accessori per smartphone Android ed iOS su Amazon – Sconti e promozioni 2017

Questa regola vale sopratutto per chi (me compreso fino a un po’ di tempo fa) è abituato a lasciare il cellulare in carica per tutta la notte. Questo tipo di ricarica mette la batteria sotto forte stress. Quindi una volta raggiunto il 100% bisogna dare una pausa per evitare un eccessivo stress.

 

 

2) Caricare il telefono con la cover

Lo so, sembra strano, ma è un errore. Quanti di noi lasciamo il cellulare a caricare con la cover ancora montata? Credo tutti, me compreso. Ovviamente, per una questione di comodità e di tempo, tendiamo a lasciare la cover sul cellulare durante ogni ricarica. Il problema è che in questo modo, mentre la batteria è in carica, si genera troppo calore che porta a surriscaldare il dispositivo.

Leggi anche: Hai un iPhone 7? Non potrai fare a meno di questo gadget (a meno di 10€)!

La prossima volta, se vuoi aumentare la durata della batteria, prova a smontare prima il case. In questo modo il calore in eccesso sarà dissipato correttamente ed allungherai la vita al tuo cellulare! (Lo so, è noioso staccare la custodia ogni volta, ma 2/3 volte a settimane te lo consiglio vivamente).

 

 

3) Scaricare completamente il cellulare e poi ricaricarlo

Le batterie al litio non hanno bisogno di scaricarsi completamente prima di essere messe sotto carica.

Una buona abitudine sarebbe quella di collegare il telefono al caricabatterie quando la carica si aggira intorno al 50%. Le batterie agli ioni di litio “fluttuano” e diventano imprevedibili quando la carica scende di molto.

Per evitare di trovarti a corto di energia, ti consiglio di portare sempre con te un power bank.

performance chiavetta usbQui puoi trovare i migliori modelli in circolazione. Così, in caso di necessità, potrai ricaricare la batteria in qualunque momento.

 

 

4) Puntare (costantemente) al 100% di carica

Se tieni sempre collegato il telefono al caricatore, per mantenere alto il livello di carica, smetti il prima possibile. Sembra strano, ma non serve a nulla e al massimo danneggerai il cellulare.

Leggi anche: Come usare Instagram: la guida completa (+ BONUS)

Uno smartphone funziona in modo efficiente se il livello della batteria è compreso tra il 30% e l’80%. Quindi non farti ossessionare dal raggiungere il livello massimo di carica, non cambierà molto.

 

 

5) Usare un caricabatterie sbagliato

Ricordati sempre che è preferibile utilizzare il caricabatterie in dotazione con il telefono. Non è un’affermazione scontata o banale. Conosco molte persone che usano il primo caricatore a muro, e non, che trovano. Le batterie sono dotate di alcuni circuiti di carica preimpostati. Questi circuiti regolano la velocità di ricarica e calcolano la quantità di energia ottimale per la batteria.

Utilizzare un altro caricabatterie peggiora di molto la situazione perchè rischi di danneggiare la batteria e ridurre di molto la sua durata.

Leggi anche: 

Usi un caricabatterie economico compatibile con il tuo smartphone? Attenzione, perchè corri il rischio di sovraccaricare il cellulare. Scegli sempre prodotti di qualità e ufficiali!

 

Batterie al nichel-cadmio: come gestire la ricarica?

Se hai un cellulare meno recente, molto probabilmente dispone di una batteria al nichel-cadmio. Queste batterie in genere non durano più di 2 anni. Contengono cadmio, un materiale attivo che si cristallizza quando non è utilizzato. Inoltre hanno lo svantaggio di scaricarsi molto rapidamente. Rimangono fredde fino a quando non sono caricate fino all’80% o al 90%. La temperatura inizia ad aumentare (raggiungendo quasi 50° C) quando sono completamente cariche.

Le batterie al nichel-cadmio non andrebbero mai scaricate del tutto. Prima di tutto possono sopportare un limite di 500 ricariche. In secondo luogo, perdono energia anche quando non sono in uso.

Una soluzione per mantenere inalterato il livello di carica di una batteria al nichel-cadmio, è lasciarla carica circa al 40% e conservarla in un luogo fresco. Questo perchè si deteriorano a temperature estreme. Per prolungare la durata delle batterie e preservarne l’efficienza, ti consiglio di usare il cellulare (e di conservarlo) in un ambiente con temperatura fresca e poco umida.

 

 

Di Giorgio Perillo

[Ricaricare il cellulare] Evita questi 5 errori quando metti sotto carica il tuo smartphone!
5 (100%) 24 votes