Le batterie sono uno degli argomenti, secondo me, più noiosi all’interno della categoria “tecnologia”. O almeno fino a quando il tuo cellulare, tablet o computer portatile muore del tutto. Proprio di questo argomento ho parlato recentemente ed ho spiegato quali trucchi utilizzare per aumentare la durata della batteria dei nostri dispositivi hi-tech. La nostra maggior preoccupazione, soprattutto quando ci troviamo fuori casa, riguarda non solo la durata della batteria del telefono che si scarica sempre più rapidamente, ma anche come caricare la batteria nel modo giusto.

Non ci preoccupiamo troppo del ciclo vitale della batteria (tra i tre ed i cinque anni), ma dovremmo. In ogni caso esistono alcune tecniche che ci permettono di aumentare la sua durata e, tra queste, come caricare la batteria in modo corretto. Quindi come si dovrebbe caricare la batteria del nostro iPhone o smartphone Android?

 

La vita delle batterie: i cicli di ricarica

Le batterie non godono la vita eterna. La maggior parte dei produttori di smartphone affermano che le batterie dei loro dispositivi garantiscono 300-500 cicli di ricarica. Apple sostiene che le batterie dei suoi MacBook raggiungono l’80% della loro capacità originale dopo 1.000 cariche. Dopo questo punto le batterie non sono in grado di immagazzinare tutta l’energia elettrica e quindi alimentano il dispositivo per periodi sempre più brevi.

Leggi anche: Come creare una conversazione segreta su Facebook Messenger

Quindi, ecco alcuni consigli per estendere la durata della batteria del cellulare, che si tratti di iPhone, Android, Windows phone, oppure un tablet o laptop. Il grande quesito che si pongono in molti è: “Devo ricaricare la batteria fino al 100% solo dopo averla fatta scaricare completamente?”.

caricare la batteriaOra approfondiamo un attimo un argomento che forse non tutti conoscono. Sto parlando del così detto “effetto memoria“.

 

 

# Cos’è l’effetto memoria di una batteria? E’ importante?

Alcuni tipi di batterie ricaricabili, se ripetutamente caricate prima che la loro carica sia completamente esaurita, “ricordano” la capacità energetica precedente alla ricarica. Ovvero, se una batteria completamente carica si utilizza al 60% e successivamente si sottopone a ricarica, il 40% dell’energia somministrata non viene riconosciuta e risulta quindi inutilizzabile. Le batterie maggiormente soggette a questo fenomeno sono quelle al nichel-cadmio e, in misura minore, quelle al nichel-metallo idruro.

Sembra assurdo, ma è del tutto vero. Però questa regola vale per batterie di grandi dimensioni a base di nichel (NiMH e NiCd), non le batterie agli ioni di litio presenti nel telefono. Queste batterie, infatti, non soffrono l’effetto memoria, anzi. Spesso bisogna fare il contrario: effettuare molte ricariche, ma non nell’arco di tutta la giornata (non lasciare il cellulare sotto carica tutto il giorno!), e non bisogna lasciar scaricare completamente una batteria per poi ricaricarla fino al 100%. E’ sbagliato e puoi danneggiarla!

 

# Non caricare la batteria del cellulare da 0 al 100%

Quando parliamo di batterie agli ioni di litio, la regola generale è bisogna conservare un livello di carica non inferiore al 50%. Se scendiamo al di sotto di questa soglia, cerca un modo per ricaricare la batteria almeno un minimo. In linea generale ti suggerisco di effettuare breve cariche, un paio di volte al giorno, di un’oretta ciascuna.

Leggi anche: Recupera i dati persi. Trova foto, file e documenti cancellati da Hard Disk e chiavette USB | Per Windows, Mac e dispositivi Android

Ma non caricarla fino al 100%. Ovviamente non accade niente se la batteria viene ricaricata completamente, ne abbiamo bisogno soprattutto quando siamo tutto il giorno fuori casa, ma cerca di limitarti il più possibile, perchè a lungo andare è una pratica deleteria.

Ricorda che ogni volta che esegui una ricarica completa, ridurrai di un po’ la durata totale della batteria.

Quindi, se devi ricaricare una batteria agli ioni di litio, cerca di mantenerti intorno al 40% o 80% con una singola ricarica. Cerca di non ridurre la percentuale di carica al di sotto del 20%.

 

ecco le risposte ad alcune tra le domande più diffuse in rete:

1) Quando bisogna effettuare una ricarica completa?

Gli esperti raccomandano di eseguire una ricarica completa della batteria da zero a 100% (un “ciclo di carica”) forse una sola volta al mese. Questo ricalibra la batteria, un po’ come il riavvio del computer, o come quando andiamo in vacanza! Tra l’altro vale lo stesso per i computer portatili.

 

2) Posso caricare la batteria del cell tutta la notte?

La maggior parte dei moderni smartphone sono abbastanza “intelligenti” per interrompere la carica quando ha raggiunto la massima capacità. Quindi non corri un grande rischio nel lasciare il telefono sotto carica durante la notte. Ma alcuni esperti consigliano di rimuovere il cellulare se la ricarica dura un periodo di tempo eccessivamente lungo. in questo caso, infatti, il terminale potrebbe surriscaldarsi e danneggiare le batterie.

 

3) Dovrei attivare la ricarica veloce?

Molti telefoni Android hanno una funzione che consente la ricarica rapida. Samsung chiama questa tecnologia anche “ricarica ultra veloce”. Motorola si vanta sul suo Turbo Droid che promette una caricare la batteria in soli 15 minuti invece di molte ore! I caricabatterie dell’HTC assicurano, invece, una carica del 40% più veloce per dispositivi come One M8, One E8 e Desire Eye.

Questi smartphone posseggono un codice speciale che di solito si trova in un chip noto come PMIC (power management integrated circuits) che comunica con il caricabatterie in uso e “chiede” di ricevere un voltaggio superiore.

Leggi anche: I migliori accessori per smartphone Android ed iOS – Sconti e promozioni!

L’iPhone 6 di Apple, invece, non dispone della ricarica veloce, ma la sua Qualcomm PMIC è abbastanza intelligente da riconoscere quando si utilizza un caricabatterie dal voltaggio maggiore (come quello che si ottiene con l’acquisto di un iPad). Questo è positivo perché attraverso la ricarica veloce, le batterie si riscaldano molto e potrebbero usurarsi e danneggiarsi prima del tempo.

Per lo stesso motivo, non lasciare mai il telefono in una macchina calda, sulla spiaggia o accanto al forno. Stesso discorso per un ambiente troppo freddo: non lasciare il tuo smartphone nel freezer o nella neve! (Dai, questa era facile!)

Quindi, quando non è indispensabile, disattiva la ricarica veloce sul tuo cellulare Android.

 

4) Posso usare qualunque caricabatterie?

Se possibile utilizza il caricabatterie in dotazione con il telefono, in quanto è sicuro che abbia il voltaggio ideale per il tuo terminale. O, al massimo, fai in modo che un caricabatterie di terze parti sia approvato dal produttore del telefono. Esistono anche alternative economiche che puoi trovare su Amazon o eBay, ma attento perchè potrebbero danneggiare il cellulare. Ci sono stati diversi casi di caricabatterie a basso costo che hanno letteralmente preso fuoco!

 

# Suggerimenti da tenere a mente:

Non lasciare che una batteria agli ioni di litio resti totalmente scarica troppo lungo. Se riesci, lasciala a circa il 40-50%. Queste batterie perdono circa il 5-10% di capacità al mese, quando non sono utilizzate. Se lasci la batteria completamente scarica per un lungo periodo di tempo, rischi addirittura di non poterla più caricare.

Ovviamente è improbabile che non userai il tuo smartphone lasciandolo chiuso in un cassetto per molto tempo. Ma potresti avere un vecchio cellulare, o un vecchio computer, che invece di rivendere preferisci conservare. In questo caso dai un’occhiata a questo articolo in cui ho spiegato come riciclare un vecchio cellulare Android per un uso intelligente.

 

Di Giorgio Perillo

Come caricare correttamente la batteria del cellulare: interrompi le ricariche da zero al 100% e altri suggerimenti utili!
5 (100%) 4 votes
CONDIVIDI
Giorgio Perillo
Giornalista pubblicista. Laureato in Giurisprudenza presso l'Università Federico II di Napoli. WordPress Specialist e SEO Junior. CEO di MenteInformatica.it